Spazio

 

Film “Europa report”: missione spaziale su una delle lune di Giove. Tipico “found footage” cioè filmato ritrovato come se fosse un “found object” che descrive una situazione a posteriori, solitamente di persone scomparse o morte; frequentemente usato per film horror e presenze.


Le 67 lune di Giove:
quattro satelliti medicei (Io, Europa, Ganimede e Callisto), Imalia fu scoperta nel 1904, Elara nel 1905, Pasifae nel 1908, Sinope nel 1914, Lisitea e Carme nel 1938, Ananke nel 1951 e Leda nel 1974. Nel 1975 fu scoperto un quattordicesimo satellite, Temisto. Le missioni Voyager permisero di scoprire altre tre lune, poste internamente rispetto ai satelliti galileiani e strettamente correlate col sistema di anelli del pianeta: Metis, Adrastea e Tebe. Fino al 1999 si riteneva così che il sistema di Giove fosse composto da soli 16 satelliti. Tra l’ottobre 1999 e il febbraio 2003 i ricercatori riuscirono a individuare altre 32 lune. In seguito sono stati scoperti, ma non ancora confermati, altri 18 satelliti che hanno portato a 67 il numero delle lune osservate; non si esclude però l’esistenza di altri satelliti, ancora inosservati, in orbita attorno al pianeta.

Il Centro di ricerche SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence – Ricerca di Intelligenza Extraterrestre), Mountain View (California), e 8 milioni di volontari a caccia di vita aliena.
Il telescopio spaziale Kepler.

 

Il Voyager golden record, sulla Voyager 1 lanciata nello spazio nel 1977, sta viaggiando ai confini del sistema solare: il 31 agosto 2013 si trovava nello spazio interstellare.
Fare mappa delle missioni spaziali esplorative.

20140111-235934.jpg

Tracy Caldwell nel modulo Cupola della Stazione Spaziale Internazionale osserva la Terra durante la missione Expedition 24.

20140112-004838.jpg

Osservatorio di ESO a Paranal nel Cile. Chiazze blu, arancioni, rosse; ognuna rappresenta una diversa stella, galassia, o nebulosa, insieme formano un cielo scintillante sopra le nostre teste. Gli astronomi scrutano questo magnifico scenario, cercando di svelare i misteri dell’universo.

Foto: LIFE magazine Special Edition, August 11, 1969. Buzz Aldrin durante la missione Apollo 11 il 20 luglio 1969 alle 20:18. Buzz Aldrin durante la missione Apollo 11 il 20 luglio 1969 alle 20:18.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s